MANUTENZIONE POZZI

Idroambiente offre un servizio di manutenzione pozzi d’acqua, occupandosi in primis dall’aspetto diagnostico.

L’esperienza acquisita nel tempo e l’uso di tecnologie all’avanguardia hanno permesso di aumentare l’efficienza dei risultati e di ridurre e velocizzare i tempi di intervento.

Ispezione televisiva Pozzi

Può essere conoscitiva o di collaudo (post manutenzione), necessaria per disporre in poco tempo dello stato di fatto del pozzo in tutta la sua estensione. Idroambiente utilizza un sistema televisivo allestito su unità mobile Furgonata costituito da:

  • Modulo telecamera stagno a colori
  • Cavo coassiale speciale
  • Consolle di comando e servizi di supporto alla telecamera
  • Argano di movimentazione cavo motorizzato con regolazione della velocità in  continuo – Gruppo elettrogeno di emergenza da 3 KVA – Accessori/attrezzi meccanici per l’esecuzione di ispezioni in qualsiasi condizione operativa.

Prove di portata

Necessarie per la verifica della tipologia delle acque del pozzo e della produttività delle falde prese singolarmente. I valori ricavati dall’esecuzione delle prove di portata consentono di determinare il regime di sfruttamento ottimale di un pozzo.

A fine ispezione restituiamo, oltre a foto e video relativi all’ispezione, un protocollo o relazione grafica contenente tutte le annotazioni di interesse, con relativo grado di difettosità, fatte dall’operatore durante l’ispezione, riguardanti lo stato di ammaloramento del pozzo.

Obiettivo della telecamera orientato insieme a tutto il dispositivo illuminante, fino ad una profondità di 500 m, per una migliore visione.
SCARICA BROCHURE
risanamento tubazioni

Idroambiente S.r.l. è la prima società Italiana ad avere introdotto dal 1991 il servizio di video-ispezione in pozzi d’acqua al fine di verificarne lo stato e le condizioni interne. Da anni leader in questo settore, l‘azienda vanta più di 5000 ispezioni televisive in pozzi.

PULIZIA E DISINCROSTAZIONE POZZI

Idrojetting:

Sistema di pulizia e disincrostazione idromeccanica di pozzi profondi che sfrutta l’alta pressione dell’acqua per la rimozione meccanica delle incrostazioni persistenti sulla camicia e sui filtri del pozzo;

Air lift:

Sistema di spurgo e rimozione detriti che prevede il posizionamento nel pozzo di una tubazione filettata (barra/asta) nella quale viene iniettata aria che genera una spinta verso l’alto (risucchio) dell’acqua presente nella barra. Si innesca un meccanismo di circolazione dell’acqua dell’intero pozzo che, entrando ad elevata velocità nell’asta, trascina con sé i detriti (ghiaino, ghiaia medio grossa, incrostazioni) e fluendo all’esterno pulisce il pozzo.

IDROJETTING

 

AIRLIFT

 

Wash back – Contro-lavaggi in pressione:

Sistema analogo alla pulizia con Air lift, unica differenza la chiusura della valvola posta all’estremità della barra. Insufflando aria in gran quantità dal fondo del pozzo si genera una naturale spinta verso l’alto (con una conseguente fuoriuscita) dell’acqua. La turbolenza creatasi smuove i detriti dal fondo pulendo il pozzo.

 

Hydropuls® – Piccoli problemi localizzati, interni al pozzo:

Procedimento a impulsi idraulici, utilizzato per aumentare o ripristinare l’efficienza idraulica dei pozzi per acqua. Attraverso l’immissione di gas ad alta pressione per mezzo di un generatore di impulsi immerso nel pozzo, si produce l’effetto alternato di onde d’urto idrauliche in grado di disgregare le incrostazioni createsi all’interno delle tubazioni filtranti del pozzo nonché sporcizie, impurità, sabbie ecc.

Aqua freed:

Sistema per aumentare l’efficienza idraulica all‘interno del pozzo e nelle zone limitrofe, con pulizia dreno, filtri e disintasamento falde mediante l’utilizzo di anidride carbonica.

RISANAMENTO POZZI – WELL-LOC

Il sistema di risanamento, brevettato da Idroambiente nel 1997, consiste nello stampaggio di un tronchetto in feltro resinato all’interno del pozzo, per ripristinare qualsiasi rottura o corrosione perforante della camicia.

Il tronchetto impregnato, messo sottovuoto e posizionato sul packer idoneo, viene posizionato in corrispondenza del tratto da rivestire, pressurizzato e riscaldato per un minimo di 4 ore, poi raffreddato per circa 2 ore, fino all’abbassamento della temperatura (circa 25 °C). Il packer viene quindi estratto e segue ispezione di collaudo.